Rimedi naturali Dermatite Atopica

Rimedi per la Dermatite AtopicaPer trattare la Derma­tite Atopica occorre innanzitutto eliminare il prurito. Per i pazienti risulta, infatti, molto difficile resistere alla tentazione di grattarsi, azione che conduce spesso a un peggioramento, perché si corre il rischio di provocare piccole lesioni facilmente infettabili. Esistono però vari rimedi naturali, grazie ai quali si può evitare di giungere a tali punti estremi.

Nella lotta alla Dermatite Atopica possono, ad esempio, essere di grande aiuto diversi oli vegetali. Tra i più adatti c’è l’olio di borragine, ricco di grassi Omega3, dalla notevole funzione antiinfiam­matoria. Altrettanto valido risulta anche l’olio di mandorle dolci, che garantisce lo stesso risultato. Gli oli vanno spalmati sulle aree colpite con mani completamente pulite o aiutandosi con una piccola garza. In questo modo, prurito, infiammazione e chiazze guariscono in breve tempo. Nei casi in cui le lesioni si presentano sul cuoio capelluto, è necessario effettuare veri e propri impacchi con una garza imbevuta in uno di questi oli, usando poi un pettinino a denti fitti per eliminare le squame.

Tra le cure naturali per la dermatite atopica, si possono inoltre includere alcune piante medicinali, tra cui:

  • la liquirizia, che può essere assunta in capsule, in gocce, in tè o effettuando impacchi. Ne è però sconsigliato l’uso alle donne in stato di gravidanza e in chi è affetto da problemi cardiaci, ipertensione, epatici, diabetici e malattie renali;
  • la bardana, che contiene inulina, una fibra che favorisce la distruzione di diversi tipi di batteri cutanei, la cui presenza aggraverebbe la dermatite. Può essere assunta in capsule, gocce e tè;
  • il tarassaco, anch’esso ricco di inulina oltre che di vitamine e minerali, di cui alcuni molto salutari per la pelle. È disponibile in capsule e tè.
  • l’echinacea, fiore selvatico contenente pricipi attivi che curano le infezioni e le infiammazioni cutanee. Si può utilizzare sotto forma di impacchi.

Se le terapie naturali non conducono a risultati, occorre intervenire con trattamenti farmacologici.

Condividi
Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn